Home » Notizie » Marijuana: l’Italia e il referendum

Marijuana: l’Italia e il referendum

Referendum sulla marijuana

E’ evidente che il proibizionismo indotto sulla marijuana non ha mai funzionato davvero, al contrario, ha alimentato una sorta di velo misterioso e disinformato su questa pianta, condizionando le menti di generazioni e generazioni. Oggi le cose sono cambiate, o meglio, stanno cambiando. Molti paesi hanno abbracciato l’uso della cannabis per uso terapeutico ma anche ad uso ricreativo. Alcuni sono ancora reticenti, altri invece stanno sperimentando la legalizzazione o la depenalizzazione della marijuana già da diverso tempo.

Era inevitabile che l’onda d’urto arrivasse anche qui in Italia, ma considerando come “funziona” il nostro governo e il nostro sistema legislativo, è difficile presagire come si svilupperà la situazione.

Marijuana e referendum

La battaglia pro-marijuana è partita pochi giorni fa, quando Marco Pannella, capo del gruppo dei Radicali, ha depositato in Cassazione il referendum sulla depenalizzazione della cannabis.

L’idea è quella di adeguarsi agli altri paesi, quindi eliminare la reclusione e le sanzioni per piccoli quantitativi ad uso personale, dare la possibilità di coltivare la propria pianta e cambiare la mentalità che gira intorno il consumo di marijuana.

I propositi sono questi. La raccolta firme è partita il 10 Aprile e il tempo a disposizione per raccogliere 500 mila firme è di solo un mese.

Per maggiori informazioni vi rimando al sito lisostengo.it per farvi un’idea più precisa della questione. Se cercate altre notizie relative alla marijuana non posso che incentivarci a usare il pulsante di ricerca del nostro sito. Come al solito, chiedo a voi lettori di esprimere la vostra opinione in merito.

GrowBow 60x60x120 CFL 125W Agro!

Sponsor

  • banner-clipper.jpg

I più votati

    Offerte

    • banner-thorinder.jpg
    • banner-ocb.jpg
    • banner-tune.jpg
    • banner-bong.jpg