Home » Notizie » Ritorno alle sigarette confezionate? No, grazie.

Ritorno alle sigarette confezionate? No, grazie.

 

Sigarette confezionate e tabacco

Chi segue da un po’ questo blog sa bene che qui ci reputiamo estimatori del lento fumo, lontani dalla povera e ignorante sigaretta già confezionata, decisamente sterile e asciutta. Qui del rollare ne facciamo un rito, quasi un’arte, ed ogni boccata di fumo assume le caratteristiche di un gesto liberatorio dal sapore più rotondo e impegnativo.

Nonostante ciò, per vari motivi sono tornato per un breve periodo a fumare sigarette confezionate e l’esperienza è risultata decisamente piatta e monotona, proficua solo perché ho potuto confermare i pro e i contro che a mio avviso scaturiscono dalla differenza tra il tabacco sfuso e le sigarette già pronte.

Il primo e forse l’unico punto favorevole delle sigarette in pacchetto è l’immediatezza con cui è possibile fumare anche nelle condizioni più “critiche”, ovvero in tutte quelle situazioni in cui non è agevole prendere cartine, filtri, tabacco e rollare la nostra opera d’arte.
Al problema dell’immediatezza si potrebbe facilmente sopperire preparandosi a casa una bella quantità di sigarette da portarsi dietro oppure riempiendo i tubi, ma in questo modo a mio avviso si annulla il bello del rollare e si perde quel gusto particolare che ne deriva fumando una sigaretta appena preparata con le proprie mani. E’ un po’ come gustare subito una lauta cena e conservarne una parte per il giorno dopo: la sostanza è la stessa ma tutto il contorno è ben diverso.

A livello economico ormai non ci sono molti benefici a causa dei recenti aumenti dei prezzi del tabacco, ma il vero guadagno consiste nel fatto che con il trinciato sfuso si assume una minor quantità di tabacco e quindi dura di più rispetto un pacchetto di sigarette. Quelle rollate a mano sono più piccole e più corte rispetto le sigarette confezionate, ma nonostante durino di meno in termini di tempo, regalano maggior soddisfazione e appagano incredibilmente la voglia di nicotina (il discorso è relativo comunque alle diverse marche) a mio avviso in maniera decisamente più efficace rispetto le sigarette in pacchetto.

In questo periodo mi sono reso conto di esser tornato a fumare per pura dipendenza, abolendo completamente il senso del gusto e facendo largo alla sola esigenza di nicotina. Il sapore delle sigarette era giorno dopo giorno più anonimo e più spento, anche variando marca non sentivo differenze degne di nota. Dopo aver accesso la prima sigaretta rollata, a distanza di circa 3 settimane, è stato come rientrare in un mondo fatto di sensazioni, sapori e profumi accesi e colorati, in netto contrasto con il grigio e l’opaco delle confezionate.

In conclusione penso che fumare sia un brutto vizio e smettere sarebbe la cosa ideale, risparmiando grossolanamente sia in salute che in finanze. Ma chi come me non riesce a rinunciare a quel sapore quotidiano, a quella scarica di libertà che ti circola nel corpo, a quello sfogo effimero dallo stress giornaliero, dovrebbe fumare con moderazione e ricordare che deve essere un piacere e abusarne porta solo grandi svantaggi. In ogni caso credo sia molto meglio fumare un prodotto che offre la possibilità di alterarne il gusto e che porti con se la voglia di sperimentare giorno dopo giorno nuovi abbinamenti e nuovi sapori, ricercando il mix più adatto alle proprie esigenze.

Come al solito, aspetto le vostre considerazioni a riguardo, anche se siete accaniti fumatori di sigarette confezionate :D

GrowBow 60x60x120 CFL 125W Agro!
  • Mattia

    Concordo il No,grazie!non sanno veramente da nulla e nel mio caso non soddisfano nemmeno la voglia di fumare,indipendentemente dalla marca.Sono del parere che,da qualche anno a questa parte,sono notevolmente peggiorate.Ora come ora fumando sigarette che un tempo mi piacevano mi da la sensazione di fumare una sigaretta anonima,come se fossero tutte della stessa marca,con lo stesso sapore e non riesco più a distinguere una marca dall’altra limitandomi a fumare.Mah!

  • E’ l’abitudine…dopo essersi abituati al gusto del tabacco, è davvero difficile trarre piacere dalle sigarette confezionate. Inoltre concordo, per quanto riguarda le marche, sembrano tutte le stesse ormai: anonime e insapori

  • Giuseppe

    vista l’impennata dei prezzi del tabacco sfuso diciamo che come spesa siamo li’per quanto riguarda il gusto cosa vuoi che sia la differenza trattandosi di veleno…

  • infatti, ma almeno nel tabacco sfuso il veleno è mascherato da un sapore più o meno buono :D ahah

Sponsor

  • banner-clipper.jpg

I più votati

    Offerte

    • banner-thorinder.jpg
    • banner-ocb.jpg
    • banner-tune.jpg
    • banner-bong.jpg