Home » Recensioni » Tabacchi » Che Roll Your Own

Che Roll Your Own

Non stiamo per affrontare un dibattito politico, bensì l’ennesima recensione di uno dei tanti tabacchi venduti in Italia, il Che Roll Your Own.

La busta di questo trinciato è caratterizzata da uno sfondo rosso e dal famoso personaggio stilizzato in nero. È in carta rivestita di plastica, leggermente meno resistente delle usuali confezioni e munita della solita linguetta adesiva.

Una volta aperto l’aroma non colpisce più di tanto, piuttosto anonimo e con nessuna nota particolare, ma è senz’altro fresco e piacevole. Il tabacco è di color chiaro, dal taglio sottile e facile da rollare, secco al punto giusto ma al contempo morbido e genuino. Fumandolo si rimane piacevolmente colpiti dall’aroma forte e intenso del fumo, che nonostante tutto non tocca in maniera eccessiva la gola, anzi fa sentire la sua presenza senza infastidire. Lascia un retrogusto non troppo amaro, il che lo rende un tabacco perfetto per gli accaniti fumatori che cercano un gusto deciso e un corpo intenso ma senza il fastidio della bocca amarognola a fine fumata.

In conclusione un tabacco discreto che non dispiace, anche se fumato quotidianamente e in gran quantità. È sicuramente un prodotto adatto ai fumatori più esigenti che cercano forza e buon gusto. I fumatori leggeri potrebbero apprezzarlo, ma sicuramente non lo adotterebbero come tabacco quotidiano. Anche la variante in sigarette già confezionate è interessante, ma probabilmente i veri “rollatori” non le apprezzerebbero granchè. Ad ogni modo è un tabacco da provare insomma e non posso che consigliarlo.

A voi com’è sembrato?

GrowBow 60x60x120 CFL 125W Agro!
  • Concordo in pieno. Anche se, a lungo andare, mi ha lasciato una sorta di retrogusto amarognolo che però non mi ha dato particolare fastidio. Premetto che ne ho assaggiate due o tre “prese” di sigaretta da un’amica perché non sono ancora riuscito a trovarlo; ma mi sono ripromesso di acquistarne una busta appena lo trovo per testarlo meglio.

  • Paolo

    Sarebbe stato meglio trovarlo prima del nuovo aumento eheh :D

  • questo lo comprato una volta,ed è stata l’ultima.

  • Premetto di non essere per nulla un’esperta in materia: ho fumato fino a tre settimane fa solo ed esclusivamente sigarette in pacchetto…visto l’aumento dei prezzi, e visto che ne fumavo più di un pacchetto e mezzo al giorno, sono passata al tabacco. Ho provato Origenes Virginia, ma mi bruciava terribilmente in gola; Blue’s Giallo (stesso risultato); Blue’s Verde (mi lasciava un senso di nausea)…un po’ meglio è andata quando ho tagliato il Blue’s Giallo con un po’ di Verde…ma non era il massimo. Sono passata al Drum (Giallo e Azzurro) ma ho regalato subito le buste perchè alla prima tirata mi partiva la tosse. Ho provato quindi l’Origenes e il Che: e mi trovo benissimo con tutti e due: l’Origenes (che da rollare, anche se uso la macchinetta, è complicato) lo uso per riempire i tubi di sigarette; il Che per rollarlo. Chiedo scusa se ho usato termini sbagliati, ma ripeto: sono alle primissime armi!!!! Comunque approfitto per ringraziare questo sito che mi ha dato un grande aiuto a capire quali cartine usare e quali filtri :)

  • Paolo

    Hai scritto da vera esperta visto che non hai sbagliato nemmeno un termine :D

    L’importante alla fine è fumare ciò che piace, e la cosa bella del fumare tabacco è proprio il fatto che possiamo creare noi la combinazione che più ci aggrada :)

    Per qualsiasi informazione non esitare a chiedere ;)

  • Ti ringrazio :) Ma ti assicuro che questo sito sta già facendo tantissimo nel guidarmi alla scoperta di un mondo che per me, nonostante i miei più che 30 anni da assidua fumatrice, è assolutamente nuovo e assolutamente gradito…Anche se sono solo tre settimane, non fumo più per noia o per abitudine meccanica perchè ho il pacchetto di sigarette vicino, ma per il gusto di sentire in bocca il sapore del tabacco :)

  • Paolo

    Il bello del tabacco secondo me è proprio questo. Si discosta nettamente dalla povera e ignorante sigaretta, con il suo sapore statico e opaco. E’ un viaggio alla ricerca del gusto perfetto, in continuo mutamento.

    Tra l’altro rollarsi la sigaretta è un rito che diventa facilmente un’abitudine irrinunciabile, in particolare nei momenti di massimo relax. Hai notato già quanto è diverso rilassarsi rollando la sigaretta con le proprie mani piuttosto che cacciarla dal pacchetto già fatta? Secondo me è un’azione di per se stracolma di relax :)

  • E’ verissimo!!! :) Anche se non sono ancora in grado di farlo senza la macchinetta, già il fatto di aprire la macchinetta per rollare una sigaretta e sentire l’odore del tabacco, toccare e pressare leggermente il tabacco per capire se ho usato la quantità giusta, lavorarmi delicatamente in mano la sigaretta appena fatta per chiuderla bene e aspettare un po’ che si asciughi prima di fumarla, assaporando intanto col pensiero il gusto del tabacco che sto per fumare…non ha nessun paragone con l’azione automatica di aprire un pacchetto di sigarette, prenderne una e accenderla!!! Infatti sto riducendo sempre più quelle che faccio riempiendo i tubi: preparo giusto quelle che mi sono necessarie quando sono fuori casa…cioè pochissime, perchè per fortuna mi basta un computer e una connessione adsl in casa per lavorare ed esco un paio d’ore solo il pomeriggio :) In ogni caso ho invertito: Che per riempire i tubi e Origenes per rollare. Mi sono accorta che a fine giornata con il Che bruciava la gola, cosa che non mi succedeva con l’Origenes :)

  • Paolo

    Basta solo un po’ di pratica, e presto potrai fare le tue sigarette in meno di un minuto! Dopo anni di pratica ormai riesco a rollare in poco tempo e in qualsiasi condizione e non mi sono mai stancato di farlo. Certo è scomodo quando sei in macchina e vuoi farti una sigaretta al volo: lì bisognerebbe prepararsele prima, però non mi piace il sapore che assume il tabacco dopo che è stato rollato da diverso tempo. Non so se è solo una mia impressione ma avverto un gusto più amaro e stopposo fumando una sigaretta che ho preparato delle ore prima :D

    Ad ogni modo l’Origenes si fuma molto più facilmente rispetto il Che e soprattutto non stanca facilmente :)

  • Calma!!! :D E’ solo in questa ultima settimana che non sbaglio praticamente un colpo a rollare con la macchinetta e ho smesso di fare un massacro di cartine!!! E riesco a farlo anche velocemente (rollare, voglio dire; non il massacro di cartine!!!) :D

    Riguardo all’Origenes, va bene che finora ho provato pochissimi tabacchi, ma l’unico difetto che ha, a mio avviso, è che ti viene proprio voglia di fumarlo :)…meno male che non esistono le sigarette in pacchetto di questa marca e che le sigarette hanno ormai un prezzo quasi inaccessibile… :D

  • Paolo

    Se ti piace così tanto l’Origenes prova il Natural American Spirit, è leggermente più caro, però secondo me è di una qualità superiore (premettendo che io adoro entrambi) ed è più facile da rollare considerato il taglio più preciso rispetto l’Origenes :D così farai meno strage di cartine! :D

  • Ma le cartine ormai con me sono al sicuro…almeno finchè non proverò a lasciare la macchinetta e a tentare di farle “a mano libera”, diciamo così :D

    Il Natural American Spirit a dire il vero mi sta tentando: ho la fortuna di avere un tabaccaio che ama fumare tabacco e me lo suggerisce di continuo…l’unica cosa che mi frena è il prezzo…ma mai dire mai :D

  • Paolo

    In effetti è caro, per una volta ogni tanto ci sta! Poi si sa che la qualità costa… :D

  • Sono perfettamente d’accordo con voi! La stragrande maggioranza dei fumatori di sigarette preconfezionate, in fin dei conti fuma solo per “spipacchiare”, e per vizio. Per noi hand-rollers, invece è indispensabile la ricerca della qualità e del gusto…..altrimenti che “rito” sarebbe? Per quanto riguarda il Che, le preconfezionate non sono poi così male, ma spero che il trinciato sia migliore. Spero di provarlo presto!

  • Paolo

    E’ proprio così, noi hand-rollers siamo buongustai in fin dei conti :D

  • il CHE lo sto fumando proprio ora. l’ho visto in una tabaccheria (quando vado in giro cerco sempre di sbirciare i tabacchi dall’esterno anche se faccio la figura del rapinatore) e l’ho preso. sinceramente non mi entusiasma. mi sembra il parente povero del senza nome bianco (ma meno profumato e pungente). non penso che lo prendero ancora. di solito fumo il manitou giallo.

    rollare è anarchico.

  • Paolo

    Parlando del Che non nominerei mai i Senza Nome :D

    Sono due mondi troppo distanti a mio avviso :)

    E’ il caso che riprovi questo Manitou Gold allora

  • Marcello

    CHE… ma se non c’era era lo stesso

Sponsor

  • banner-clipper.jpg

I più votati

    Offerte

    • banner-thorinder.jpg
    • banner-ocb.jpg
    • banner-tune.jpg
    • banner-bong.jpg