Home » Recensioni » Tabacchi » Chesterfield Original

Chesterfield Original

Reduce da un lungo periodo contornato dalla bontà dei Mac Baren Senza Nome ho deciso di provare questo Chesterfield Original e devo ammettere che il passaggio è stato davvero drammatico. La versione Roll Your Own del Chesterfield non mi è dispiaciuta affatto, ma questa è tutta un’altra storia. Procediamo con ordine.

La confezione di questa versione del Chesterfield ha una grafica bianca con il nome stilizzato in rosso lucido, molto bella e intrigante, una piccola e simpatica confezione. Una volta aperto il sigillo, il tabacco emana un profumo dolcissimo e fruttato, molto gradevole e stuzzicante che al tatto risulta secco e dal taglio spesso (come quello delle sigarette confezionate) e di un colore biondo chiaro. Bisogna sfilacciarlo un po’ perché in fin dei conti è già abbastanza sbriciolato di suo. Sembra un po’ come prendere in mano una pappetta pronta a sgretolarsi.

Fumandolo delude leggermente le aspettative iniziali derivate dall’aspetto estetico della confezione. Ha un gusto amaro pur non avendo molto corpo, tant’è che si avverte pochissimo in gola. Lascia un retrogusto decisamente sgradevole e un sapore amarostico e pastoso che secca tutta la bocca. Non soddisfa la voglia di nicotina e delude anche i fumatori più miti e leggeri.

Personalmente non mi è piaciuto granché, non è un tabacco che ti consente di realizzare una sigaretta piena e rilassante. Ha un gusto troppo incoerente rispetto il suo dolce profumo e il fatto che non soddisfa nemmeno un po’ la carenza nicotina sicuramente non mi da modo di poterlo consigliare. A voi invece è piaciuto o credete che non sia stato poi così critico?

GrowBow 60x60x120 CFL 125W Agro!
  • Rispetto al fratello RYO non mi è piaciuto. Più che amaro l’ho trovato anonimo.

  • Paolo

    Vero, tra l’altro ho provato a umidificarlo un po’ ma il risultato è stato pessimo. Ho dovuto buttare quel briciolo che era rimasto. Un saporaccio

  • ricky

    Sembra valido come surrogato della sigaretta di tutti i giorni.Non colpisce ne’ per le fragranze ne’ per l’aspetto (anzi),pero’ fumato senza troppe pretese e comunque senza l’aspettativa del tabacco raffinato,non è da scartare.Senza infamia e senza lode insomma,pero’ mi sento di consigliarlo a tutti i fumatori incalliti perche’ soddisfa l’esigenza della sigaretta in fretta e furia.Se si cerca invece il prodotto di qualità da degustare, allora sicuramente è molto deludente.

  • Rasta

    ma è umido o secco? Con che cartine consigliate di fumarlo?

  • Paolo

    @ ricky: Hai perfettamente ragione però ti dirò che per soddisfare l’esigenza di una sigaretta senza troppe pretese preferisco un buon Peter Stuyvesant Gold, molto più neutro e meno stancante del Chesterfield. Mai provato?

    @ Rasta: E’ secco, e ti consiglio di non provare a inumidirlo poiché altereresti negativamente il sapore. Io l’ho provato come al solito sia con cartine spesse di Tipo A che con sottili di Tipo B. Mi è piaciuto di più con le Rizla Rosse e Rex Bravo :)

  • No,chiaramente sara’ il prossimo.grazie per il consiglio.Cosa mi dite invece del drum natural? difficile da qualificare,mi piacerebbe un vostro giudizio.

  • Paolo

    Ancora devo riuscire a trovarlo dalle mie parti purtroppo. Aspetto come al solito che me lo portino da su :) mi dispiace non poterti rispondere

  • Sir

    Secondo me è il migliore in circolazone.

    Poi io sono di Napoli e qui c’è una richiesta elevata per questo tabacco che in tabaccheria scarseggia, alcuni tabaccai mi hanno detto che arriverà tra 10 – 15 giorni.

  • ciao a tutti .e piu di un mese che fumo il tabacco Chesterfield Original ,se devo dire la mia upinione sono soddisfatto,o provato nella mia vita tanti tabacchi ma con il risultato di ritornare sulle sigarette ,poi ognuno gusti e gusti, il tabacco sulla machinetta ocb vanno su benissimo con i filtri da 6
    cia a tuti

  • le bravo

  • IO LO STO’ PROVANDO ADESSO.DIREI NON MALE,ANCHE SE’ NON HA NIENTE A CHE VEDERE CON IL MAC BAREN NERO

  • Paolo

    Essì, sono due tabacchi completamente antitetici, non possono nemmeno paragonarsi :D

  • Confrontare il chesterfield con il nero è come farsi il bidet ed essere convinti di essere un palombaro professionista! Un po’ grezza ma indubbiamente d’impatto :)

  • Paolo

    Quoto in pieno! :D

  • Non faccio il paragone perchè non ho ancora trovato il nero. Mi limito solamente a qualche osservazione. E’ vero, il profumo promette più di quel che dà ed è troppo poco corposo. Però non l’ho trovato così amaro e nemmeno il retrogusto così teribile.
    In definitiva a me pare un buon tabacco (ne ho fumati di peggiori), specie se si è fumatori abbastanza sostenuti…

    PS: sti senza nome mi stanno incuriosendo un bel pò. Spero di trovarli

  • gip

    i tabacchi confezionati in italia fanno schifo, provate il RUTER 66
    o il PARAMAUNT confezionato in polonia , slovacchia ed in altri
    paesi nordici. forse si trovano anche da noi. Poi, se volete fumare
    gratis veleno mortale, andate in bicicletta nelle nelle gallerie, ha
    decine che vi sono sul garda,ho passeggiate in cità 2 ore al dì.
    in mezzo al traffico.SE POTETE EVITARE TUTTE QUESTE COSE
    è MEGLIO.UN 6OENNE FUMATORE DI RAZZA.

  • Carry

    quello che dici è vero pero non proprio tutti i tabacchi fanno shifo in italia, poi dipende da cosa si fuma. te ad esempio gip cosa fumi di solito?

  • Paolo

    Concordo con te Carry, alcuni tabacchi sono buoni, come il Blues, però altri prodotti sempre in Italia non possono definirsi proprio di qualità

  • Nonostante la tua recensione ho deciso di provarlo lo stesso, per aumentare la mia esperienza nel mondo dell’ hand rolling. Come esito finale è avvenuto quello che mi aspettavo,cioè questo tabacco non è niente di speciale ma comunque non è proprio da buttare anzi, visto che lo vendono in confezioni da 20gr lo finisci in un batter d’ occhio. Almeno ti danno la possibilità di provarlo spendendo meno! questo non si può dire di altri trinciati vendibili solo da 40gr e poi sei costretto a buttarne metà per vari motivi,senza contare gli oltre 7 euro sprecati! Quindi io lo consiglierei a chi a voglia di provare nuovi sapori ad un prezzo contenuto :)

  • Carlo Cataldo

    Purtroppo ero rimasto senza Mac Baren Nero, e ho dovuto ripiegare su questo e concordo pienamente, una vera delusione!

  • Giuseppecapasso75

    Vi scrivo per il tabacco chesterfild original rosso 20g .Nella zona dell’agronolano (Marigliano, Brusciano, Mariglianella ecc) il contenuto non e’ 20g ma 18g 17g .li ho pesati. le buste presentano il sigillo dello stato intatto. Ma all’apertura di sotto vuoto sono risulta gia’ aperto e non e’ intatta quindi il tabacco e secco e nn contiene il peso da voi indicato sulla busta .Vi prego di cambiare sigillo ,con un sigillo migliore, spero di avere vostre notizie .distinti saluti
    giuseppe capasso

  • Questo è un sito di informazione, non produciamo tabacco e non vendiamo alcun tipo di articolo. Dovrebbe rivolgere le sue lamentele altrove. Grazie

  • xRiccius

    Beh io ho provato una variante… Il 60% RIO e i 40% questo… mi è abbastanza piaciuto ;).

  • Sicuramente smorza il carattere troppo deciso dell’original, però personalmente preferisco decisamente un’altra gamma di tabacchi eheh vade retro Chesterfield

  • flavia

    scusate posso farvi una domanda strana??? ho trovato nel mio chesterfild da 20 g una strana etichetta adesiva che invece di essere trasparente ha delle note musicali,come mai?

  • Non saprei…forse il tabaccaio ci avrà disegnato su? Molto strano

Sponsor

  • banner-clipper.jpg

I più votati

    Offerte

    • banner-thorinder.jpg
    • banner-ocb.jpg
    • banner-tune.jpg
    • banner-bong.jpg