Home » Recensioni » Tabacchi » Van Nelle

Van Nelle

Dopo una lunga ricerca finalmente sono riuscito a trovare questo interessante tabacco, da molti paragonato al Mac Baren Senza Nome Nero.

La confezione mi ha subito entusiasmato, di un bel blu acceso con il logo impresso nella parte frontale, in plastica morbida e con la solita linguetta adesiva sul retro. Non è dotato di sigillo salvafreschezza, ma è venduto in un involucro di plastica che lo mantiene ugualmente fresco e umido. Una volta aperto è proprio l’umidità del trinciato che colpisce immediatamente, infatti ha una percentuale davvero notevole se paragonato ad altri tabacchi umidi. Il profumo stupisce altrettanto: molto intenso,forte, speziato ed elegante.
Al tatto si presenta morbido e leggermente pressato. Bisogna sbriciolarlo parecchio perché vi sono molti grumi e imperfezioni, ma tutto sommato rollarlo è semplice. La scelta di cartine di Tipo A o B è puramente soggettiva, ma in questo caso mi sento di consigliare l’impiego delle prime (Smoking Orange, Rex Bravo, Special…) per via delle rare peculiarità di questo tabacco.

Fumandolo ci si accorge subito di aspirare un tabacco di ricercata qualità, difficile da riscontrare in altri tabacchi. Gusto mediamente forte, non paragonabile a quello del Senza Nome Nero, ma altrettanto corposo e vellutato. Anche il fumo ha un buon odore, strano da definire ma assolutamente piacevole all’olfatto, soprattutto durante il freddo inverno, ha il potere di rammentare piacevoli sensazioni. E’ un tabacco che sazia il palato e la voglia di fumare, un trinciato anche da tutti i giorni, ma fumato di tanto in tanto regala più soddisfazioni.

In conclusione questo Van Nelle è un tabacco ottimo e pregiato, che fa di certo concorrenza al famigerato Senza Nome Nero. Se lo vediamo in qualche tabacchino non possiamo non acquistarlo. Assolutamente consigliato.

 

Recensione a cura di eddy

Per la prima volta un tabacco presentato in una busta che ti invita a comprala, di colore blu chiaro con inserti scuri e bordi bianchi, il nome di un bell’arancio chiaro bordato di nero e oro. Salendo verso il logo ( una donna che regge un ancora) troviamo il “motto” del tabacco, una sorta di aggettivo; “the rising hope“, traduzione: la speranza crescente.

Aprendo la busta l’aroma del tabacco è molto pronunciato, non al livello del Mac Baren Senza Nome Nero, ma molto forte. Immediatamente si colgono sentori di spezie e aromi tipici del Kentuky. Il taglio è molto approssimativo e il trinciato risulta pieno di listelli, rondelle e pezzi di legno. Risulta facilissimo da sfilacciare, anche se l’umidità non è cosi’ elevata come mi sarei aspettato da un tabacco di questi tipo. Ma bando agli indugi, rolliamoci queste sigarette di prova. La prima sigaretta viene realizzata con cartine Rex Bravo di Tipo A, la seconda con Rizla Micron e la terza con cartine Ghost in cellulosa.

1° prova: il gusto del tabacco si sente, ma dall’aroma nella confezione mi sarei immaginato molto meglio. il sapore è poco consistente anche se gustoso e la cartina di Tipo A rende al meglio con la sua combustione lenta. Non entusiasma, ma nemmeno delude. Le note positive sono che non gratta la gola e non pizzica la lingua, oltre a lasciare un piacevole sapore in bocca, senza impastarla.

2° prova: le Micron non sono adatte per questo tipo di trinciato. Non alterano troppo il sapore, ma la combustione troppo veloce mette fretta, e non permette di gustarsi appieno il sapore del tabacco. Inoltre se la sigaretta si spegne completamente, una volta riaccesa arriverà in bocca un sapore di bruciato insopportabile.

3° prova: sono rimasto piacevolmente colpito dalla cellulosa. A mio parere non altera troppo il sapore, si spegne raramente, la combustione è lentissima, e inoltre fa scena :D

Sicuramente le Rex Bravo rendono meglio con questo tipo di trinciato, ma al secondo posto si piazza sicuramente la cartina in cellulosa.

Un tabacco sicuramente ottimo, da fumare anche tutti i giorni, ma da qui ad affermarlo il migliore sul mercato italiano ce ne vuole!

GrowBow 60x60x120 CFL 125W Agro!
  • sono daccordo,peccato che qui nn si trova,fumato attraverso un amico di roma che me lo fece assaporare devo dire che è favoloso,gusto pieno aromatico appagante pulito quasi perfetto.

  • Perfettamente d’accordo con la recensione! Tabacco d’altri tempi, fatto “alla vecchia maniera” – si vede anche dalle numerosissime rondelle…ma la qualità è davvero alta. Lo fumo solitamente con cartine Rex Bravo. Concordo anche sul fatto che dà maggior soddisfazione se non lo si fuma SEMPRE. Trovo che un tabacco molto simile sia il Samson blu, ma il Van Nelle è superiore.

  • gran tabacco… quel che di speziato e quel leggero pizzicore che lascia sulla lingua è ciò che gli da un carattere particolare. Peccato non sia di facile reperibilità, almeno qua in toscana. Ahhh dimenticavo, unica nota negativa (anche se è una sua caratteristica tipica): raramente ho trovato un tabacco con tante imperfezioni di taglio e rondelle

  • Mia personale classifica degli halfzware shag: senza nome nero, van nelle, samson blue, drum blue. I primi due sono su un altro pianeta. Concordo con alessio, tutti gli halfzware shag non si addicono ad essere fumati quotidianamente oltre le 5 sigarette al giorno… sono tabacci da meditazione, magari la sera accanto ad un bel bicchiere di rum (rigorosamente clement’s agricolo invecchiato 6 anni) e ad un pezzo di cioccolata extrafondente

  • Mi piace questo abbinamento, Rustik. Forse, in presenza di un rum maggiormente invecchiato – che so, Appleton 18yo? – anche un supersecco come il NAS (ma anche l’Origenes) fa la sua porca figura! Comunque, ormai sono innamorato di questo Halfzware, anche se spero di trovare un giorno questo LEGGENDARIO Mac Baren Nero….dalle mie parti sembra introvabile, non sarà una leggenda metropolitana?? :)

  • Ahhh se vogliamo parlare di rum allora il top del top tra gli industriali è sicuramente il caroni 1982 anche se ho una spiccata predilezione per gli agricoli quali clement’s e jack trofouis. Beh l’appleton te l’approvo sicuramente, diverso sarebbe stato se tu avessi proposto uno zacapa troppo dolce per i miei gusti :) ma sono ot, torniamo in riga:
    i senza nome ultimamente sono di difficile reperibilità. Questo perchè molti tabaccai non si sono accorti che la confezione da 40 grammi con il vecchio codice non è più ordinabile, perchè la mac baren le ha sostituite con quelle da 30 gr con codice nuovo. Aspetta che vedo se trovo on line un articolo molto utile. Per evitare di essere ot non appena lo trovo lo posto sotto la recensione dei senza nome.
    COmunque il Van Nelle è un gran tabacco e a seconda del momento e dell’umore a volte mi capita di preferirlo anche al nero. Piuttosto raramente, ma capita…

  • Paolo

    Nessuna leggenda, ne ho comprato ieri due buste profumatissime e morbidissime! :D La prima cosa che ho chiesto al tabaccaio era la quantità che ne aveva a disposizione :D

    La differenza tra il Nero e il Van Nelle si sente e si percepisce. Il primo ha il taglio più preciso, sottile e morbido. Quando si apre una busta di Mac Nero è come aprire un vasetto nuovo di Nutella, e guastare la perfezione di quello strato di cioccolato sembra quasi un delitto, quanto infilare le dita e prendere una noce di Mac Nero. Non potevo trovare una similitudine più strana :D

    Ad ogni modo, personalmente dopo cene o amari o comunque in momenti da meditazione, preferisco di gran lunga una sigaretta di Nero, anche se come dici tu, un bel NAS riesce a fare altrettanta bella figura. Prediligo i Virginia nel periodo estivo se devo dir la verità, con una simpatica birra magari :D

    Rustik, ottimo abbinamento, da vero intenditore direi :D assolutamente da provare!

  • Ragazzi questa è la differenza tra noi handrollers e i fumatori di preconfezionate: noi siamo sommeliers, loro avvinazzati. :)

  • Paolo

    Non credo di aver mai letto metafora più adatta :D complimenti!!!

  • Van nelle tagliato con NAS organic. 3/4-1/4. Spettacolo!!! Viene esaltato il retrogusto di spezie. Molto saporito. E la fumata riacquista quel minimo di ruvidezza in gola che ha il nero e manca al van. Ho usato cartine a. Provare x credere…

  • Paolo

    Provo appena possibile :D Ma riesco benissimo a immaginare la combinazione. Deve essere sublime visto che sono entrambi due tabacchi fenomenali (a mio parere un gradino sopra gli altri, ma questo si era capito ;) )

  • fumato il giorno di natale ,direi un bel tabacco meno forte del mec nero,anche se’ la busta che ho trovato era un po’ vechiotta,quindi meno umida del previsto!!! fumato con tubi della mascotte x long quindi una forza in piu al sapore!!assolutamenta da provare!!

  • da un mesetto a questa parte il van nelle è molto cambiato,sia come gusto che che come corposità…ho beccato io una partita strana oppure avete notato anche voi questo cambiamento?

  • Paolo

    Ne parlavamo in un altro post, anche Rossella ha riscontrato lo stesso problema. A questo punto non so se si tratta di una partita avariata o di un totale cambiamento del prodotto in se. Quanti confezioni hai acquistato e su quante hai riscontrato tale cambiamento?

  • ne ho prese tre di recente dal mio solito fornitore,sembrava di fumare il senza nome bianco,stessa consistenza e colore,ha smarrito anche il suo tipico odore,spero sia solo una partita sbagliata!altrimenti dovrei inventarmi qualche strana alchimia per tagliarlo!

  • Non so se dipende da una partita lavorata male o dal fatto che la busta è vecchia, io proprio perchè sono legato al fattore di gustarmi il tabacco nella sua completezza, acquisto solo in tabaccherie dove so che lo smercio del trinciato è elevato, quindi con il Van Nelle non ho mai avuto particolari problemi, abito a Milano e vado in via Pola o Corso Buenos Aires, dove oltre una vasta gamma di tabacchi da acquistare ho sempre trovato prodotti freschissimi.

  • il pacco nuovo è stato aperto avanti a me,lo prendo ormai da anni dal solito tabaccaio,a questo punto credo sia la solita politica della philip morris che ne ha acquisito il marchio.il profumo ricorda vagamente quello originale,il colore è totalmente cambiato,da scuro e ruvido,è diventato color miele e morbidissimo,ripeto ha le stesse identiche caratteristiche del senza nome bianco.spero solo trattasi di una partita lavorata male,altrimenti non vale più i 150euro al kg secondo me!

  • @Alessandro, ciao :) Premetto che fumo trinciato da pochi mesi e che solo a fine novembre ho trovato nella mia città il Van Nelle: sarà stata la fortuna del principiante ma, nonostante fosse già “targato” Philip Morris, mi aveva subito colpito ed era diventato uno dei miei tabacchi preferiti proprio per il suo profumo e il suo gusto affascinanti e particolarissimi. Tra fine dicembre e inizio gennaio però quattro buste di seguito, comprate in due rivendite diverse, “strane”: nessuna variazione riguardo al colore e all’umidità del tabacco ma odore come di ammoniaca appena aperta la busta, in una molto intenso, nelle altre molto meno ma certo non il profumo del Van Nelle che avevo fumato per un mese di seguito. Anche il gusto era diverso: eccessivamente forte, bruciava la gola e lasciava la bocca amara. Dopo aver buttato via quelle quattro buste, non me la sento ancora di ricomprarlo e riprovare…ma inizio ad avere la “vaga” sensazione di essere d’accordo con te per quanto riguardo il discorso Philip Morris…e te lo dice una che ha fumato per anni sigarette Philip Morris, lasciandole quando ha scoperto la sua insana passione più per la chimica che per il tabacco.

  • Ragazzi un consiglio che mi sento di darvi, che non pretende di essere una soluzione sicura è che qualunque tabacco umido deve essere arieggiato, prima di essere fumato, a busta aperta, il tempo lo determinate voi, proprio per fargli perdere quelle sostanze chimiche che lo pervadono e che condizionano il suo sapore.
    Se dopo aver provato a fare così magari per due giorni non è cambiato niente, allora è giusto che non lo prendiate più in considerazione visto che 6 euro non sono pochi e non si devono buttare via per nessun motivo.

  • @ Marco, è esattamente quello che ho fatto: il profumo è tornato, già dopo poche ore, ma il sapore no….e non mi è rimasto altro da fare che buttare via 24 euro di tabacco, visto che erano 4 buste :(

  • ragazzi a questo punto no ci resta che sperare in una partita sbagliata,ciò che dice rossella mi conforta,perchè nel mio ho trovato alcune caratteristiche diverse dal suo,come colore e corposità.tra l’altro ho dovuto anche cambiare cartine,da semi umido che era,ora sembra quasi un golden virginia,e con le solite rex bravo extra fini era diventato quasi impossibile da fumare!

  • Paolo

    Brutta situazione, davvero spiacevole. Dopo aver provare il Van Nelle l’ho subito collocato nella seconda posizione della mia personale classifica, subito dopo il Mac Baren Nero, è davvero un peccato se la Philip Morris ha cambiato le politiche di produzione o la “ricetta” del trinciato. Non ci resta che aspettare e sperare di acquistare un giorno, lo stesso Van Nelle di sempre

  • Concordo con l’esperienza passata da Rossella, sia per quanto riguarda le problematiche che i tempi, (ne avevamo parlato anche nel post come umidificare il tabacco un mesetto fà), a questo punto vivendo io nel veneto e voi mi pare di aver capito nel sud italia, più che una partita andata a male mi sa proprio che la Philip Morris ha cambiato il tabacco….peccato era il mio preferito. ,@Paolo anche se se siamo fuori post, ho visto che dovrebbe arrivare il Lucky Strike, non hai idea dei tempi più o meno, grazie :)

  • ne ho aperta un’altra stamattina,niente,un misto di chimica ed odore di muffa!per fortuna ho preso anche un senza nome nero.

  • Paolo

    @Rick lo stiamo aspettando tutti con ansia :D è stato inserito nel listino AAMS da un po’ ormai, quindi dovrebbero commercializzarlo tra poco…speriamo il prima possibile :D

    Peccato per il Van Nelle…dovrò rivalutarlo a questo punto :/

  • Io personalmente tendo a credere che si tratti di alcune partite danneggiate….ne ho acquistato due buste questa settimana ed è sempre il solito Van Nelle. Solo mi sembra che la quantità di rondelle e imperfezioni varie sia leggermente aumentata.

  • Non fosse così, mi butterò sul Samson Blue, a mio avviso il tabacco più simile. Purtroppo dalle mie parti (riviera ligure di ponente) il Mac Baren sembra introvabile!

  • ragazzi quando non trovate un tabacco fatelo ordinare al vostro rivenditore,di solito la consegna dei tabacchi è di mercoledi,dunque nella peggiore delle ipotesi dovrete aspettare una settimana.ho notato che la maggior parte dei tabaccai ci capisce davvero poco di trinciati,di conseguenza sono sforniti per scarsa conoscenza!

  • Paolo

    Ottima alternativa il Samson Blue, un tocco più leggero e fumabile anche in grandi quantità. Ottima scelta direi :D peccato per il Mac, che risulta introvabile praticamente ovunque

  • @Rossella a questo punto non vedo alternative abbandona per il momento il Van Nelle, in attesa che le testimonianze negative sul tabacco si esauriscano, da parte mia penso che si tratti davvero di una partita lavorata male, o forse immessa sul mercato con qualche ingrediente che ne ha condizionato il gusto.
    Io fumo indistintamente nell’arco di una settimana Samson Blu, Van Nelle e Mac Nero, Se il Samson è fresco non ti deluderà te lo assicuro.

  • Paolo buongiorno sto’ provando e riprovando con il Nas e lo Yuma ma niente mi fanno girare la testa e mi risultano molto pesanti mi hanno detto di provare il Manitou pink perche’ preferisco un tabacco senza additivi ma non posso comprare un pacco di trinciati per poi non fumarli!!!!calcola io fumavo i Sigari toscani e qualche boccata giu’ andavano ma non mi hanno mai dato questi problemi fastidiosi come i trinciati…….grazie per la risposta e a risentirci………….Massimo

  • Ciao massimo, peccato mi dispiace… Tra l’altro si tratta di trinciati non eccessivamente forti x essere naturali… Il pueblo e il NAS organic sono molto meno delicati.. Certo è che tutti i naturali rispetto agli umidi non sono famosi x la loro “gentilezza”…

  • Tu @Rustik che dici il Manitou pink puo’ fare al caso mio non vorrei comprare l’ennesima busta!!!!!

  • Il pink non l’ho mai provato, il gold é un ottimo tabacco sullo stile del NAS ma leggermente dominato da note dolciastre in retrogusto. Che io sappia il pink dovrebbe essere ancora più delicato… Se non va quello ho il timore che i naturali non facciamo x te purtroppo. Facci sapere come é andata poi. Ciao

  • ragazzi una curiosità,ma lo yuma è stato tolto dal mercato?nella lista dei trinciati del mio tabaccaio di fiducia non compariva neanche!

  • Paolo

    @alessandro lo Yuma è ancora nel listino, se vuoi farlo ordinare al tuo tabaccaio il codice è 2454.

    @verymax perché non provi qualcos’altro? Forse come dice il buon Rustik, i naturali purtroppo non fanno per te se ti fanno girare la testa. Fai l’ultimo tentativo con il Manitou Pink, a me è piaciuto, però c’è da dire che personalmente non ho mai sperimentato giramenti di testa con nessun tabacco. Prima o poi troveremo il tabacco che fa per te, facci sapere come va :D

  • Grazie per la tua gentilezza ……..

  • Paolo,mi hanno consigliato original Tradional Gold Bianco,tabacchi burley e virginia brasiliani aromatizzato con il miele.Tu che ne pensi?dicono che ha una bella corposita’ ma leggero …..sai il problema non e’ che posso ogni volta comprare le buste per fare i tentativi se no’ mi conviene comprare un tabacchino hahahaha…….

  • Paolo

    Hai ragione, soprattutto con la crisi che incombe non è per nulla conveniente :D Per l’Original Tradition non posso dirti molto perché ancora non sono riuscito a trovarlo, però è della stessa azienda dello Yuma, dovrebbe essere buono e leggero (considerando che è bianco presumo sia leggero). Se preferisci quelli senza additivi e hai avuto problemi con NAS e Origines prova il Drum 100%, a me non è dispiaciuto inoltre lo trovi nella confezione da 25g e costa 3,75€. Facci sapere :D

  • LìOriginal Gold lo fumo almattino buon tabacco gradevole il miele

  • Dell’Original tradition ce ne sono quattro tipi di cui due aromatizzati, uno al miele e uno alla vaniglia, come diceva Paolo sono della stessa ditta che distribuisce lo Yuma, e come lo Yuma la qualità del tabacco è veramente ottima. Per quanto riguarda i gusti sono sempre cose molto soggettive (addirittura a me non dice niente il Nas organic, quando vedo che praticamente piace a tutti), però qui hai la fortuna che sono buste da 20gr quindi vale la pena provarli, se non ti piacciono fai anche presto a finirli o a mischiarli con qualcos’altro. Io ho provato quello alla vaniglia, è molto simile al Black Devil nero anche se il gusto della vaniglia si sente un pò meno ed è anche un pò speziato, cosa che senti di più se lo fumi con cartine di tipo B….ma non dite a judas che ho fumato un umido con cartine B sennò si incazza!

  • Grazie@Rick dell’ottima interpretazione del tabacco lo provero’ alquanto prima mi hai fatto venire ancora piu’ curiosita’ quello al naturale l’hai provato? hahaha grande quella delle cartine B……

  • @verymax, se ti riferisci ai due non aromatizzati non ancora. Non so con che cartine hai fumato lo Yuma, ma se l’hai fumato con cartine ultra leggere e per caso ne hai ancora di tabacco, provalo con le rizla azzurre che sono una via di mezzo tra le A e le B, lo allegeriscono e lo rendono un po più dolce, almeno per i miei gusti.

  • Riprovero’ lo Yuma perche’ con le cartine premium ocb mi hanno dato una bella legnata….. provero’ con le Rizle azzurre perche’ ……grazie

  • Sì dagli un’altra possibilità è un ottimo tabacco, e poi non posso credere che uno che fumava i toscani si faccia intimorire dai trinciati :)…a parte gli scherzi mi fai venire in mente quando fumavo i toscanelli alla grappa..quanto buoni sono…li consiglierei a rustik che è un appassionato di abbinamenti tabacco alcool, anche se probabilmente gli avrà già provati.

  • @ Marco, anche se da un paio di settimane sto fumando praticamente solo secchi naturali (soprattutto NAS e in piccola parte Origenes…inconsapevole reazione psicologica alle buste di Van Nelle “ammoniacale”???), ho già fatto fuori con molto piacere due buste di Samson Blu ;)
    Sono pienamente d’accordo con Paolo: lo fumo tranquillamente in ogni momento della giornata…col Van Nelle dovevo “riscaldare” un bel po’ i polmoni prima di fumarlo :)

  • Paolo

    Il Van Nelle a prima mattina necessitava di una carburazione polmonare per riuscire a fumarlo :D Invece il Samson Original mi ha piacevolmente stupito anche nel post risveglio/prima colazione. Davvero meritevole, dovrò comprarne un paio di buste prima del nuovo aumento :/

    Gli Original, come lo Yuma, purtroppo non riesco a reperirli e la cosa mi dispiace parecchio. Devo parlare con qualcuno che ne capisce di legge per farmi spiegare se è possibile spedire tabacco acquistato regolarmente in Italia attraverso il sistema postale. In linea teorica non dovrebbero esserci problemi, ma non si sa mai. Ovviamente Rossella, se riesco nell’impresa dobbiamo vederci e gustarli insieme :D

    Per quanto riguarda le Rizla azzurre, posso suggerirvi di provare con le Rizla Micron? Sono di tipo B ma hanno un sapore praticamente neutro e non alterano il gusto del tabacco, se riuscite a trovarle provatele subito :)

  • qualche giorno fa ho spedito due confezioni di nero ad un amico barese,basta prendere le buste gialle quelle imbottite e spedirle nella cassettina postale,altrimenti in posta devi dichiarare il contenuto del pacco e non so se sia legale spedire tabacco,comunque sono arrivate senza problemi..

  • Paolo

    Non dovrebbe essere illegale perchè fondamentalmente si verifica solo un trasferimento di un bene regolarmente acquistato, da un posto ad un altro, sempre rimanendo nei confini dello stato italiano. Ma considerando appunto che siamo in Italia, la chiarezza è pura utopia. Sicuramente proveró il metodo descritto da te, d’altro canto per una busta di tabacco che possono fare? :/

  • mal che vada non arriva a destinazione,ho provato a cercare qualche info su internet ma non ho trovato nulla a riguardo,teoricamente dovrebbe valere lo stesso principio degli alcolici,lì è prevista anche la vendita per corrispondenza e dunque la spedizione!

  • Paolo

    Non si incorre in sanzione di alcun genere?

  • @Paolo, accetto con immenso piacere il tuo invito, sperando che possa trasformarsi in realtà il prima possibile :D
    Intanto, messo per il momento da parte il Van Nelle a vantaggio del Samson Original, continua la mia fase di attrazione fatale per i naturali: fermo restando il NAS (che ormai è il tabacco più presente nella mia giornata, anche nella versione Organic Blend), diventato l’Origenes il tabacco dei momenti di voglia di fumare un po’ più leggero, mi sono lanciata alla scoperta del Pueblo (col Chesterfield RYO e Domingo Natural avevo già dato…nel senso che dopo un giorno li ho regalati: il primo lo trovo amaro, il secondo inconsistente. Col Drum non oso provare: è l’unico dei Drum che non ho fumato ma tutti gli altri che ho provato hanno fatto la fine del Chesterfield RYO e del Domingo Natural. Quindi sono un po’ titubante). Dopo una pessima esperienza col Burley Blend (però ho l’impressione di aver beccato una busta “jurassica”), oggi pomeriggio ho comprato il classico…come impatto iniziale niente male, tutt’altro!!! Sono proprio curiosa di fumarlo domani, con calma, nelle diverse condizioni di gola e di palato e poi ti faccio sapere…anzi: sarebbe bello poterne parlare degustando insieme gli Original e lo Yuma :) …chissà se questa mia risposta fuori argomento Van Nelle (cosa per la quale chiedo scusa a te e a tutti gli amici del blog) non possa essere di buon auspicio!!! ;)

  • Ciao rossella, NAS un grande tabacco… Ultimamente io sono su origenes e devo dire che sotto certi aspetti è una garanzia. La busta attuale tra l’altro non si è quasi sbriciolata sul finire, che dire: gran fortuna oppure grande attività di pietrina appena aperta la busta :). Parlandone ieri con Paolo pero gli facevo presente come tra origenes e drum natural ravvisassi troppe similitudini di gusto, due buoni tabacchi ma secondo me molto simili. Il drum si differenzia appena per una maggiore forza e irruenza nella boccata ma retrogusto e corpo si somigliano (secondo me sia chiaro!) molto. Se lo vuoi provare non credo che lo butterai a meta busta, è l’unico drum che riesco a fumare con piacere. Il chesterfield ryo non lo trovo cosi male ma gli preferisco altri tabacco xchè è un po’ insapore, manca secondo me di consistenza per essere un naturale e pure a me lascia un po’ la bocca amara. Pur avendo iniziato la mia attività di fumatore come entusiasta estimatore del pueblo ultimamente è uno dei tabacchi che non compro più: niente da dire, comunque un buon prodotto, ma le mazzate che mi arrivano in gola ad ogni boccata rischiano di non farmi prezzare appieno le sue qualità… Il burley poi sono riuscito a terminarlo soltanto fumandolo con avana 7, dopo 3 mesi che era li… Eppure conosco fior di persone che lo adorano. È proprio vero, il tabacco, come tutto del resto, una questione soggettiva… Aspettate un po’… Mamma mia non posso crederci, judas avevi ragione!!!! ho addentato un taralluccio che sa di kentuky!!!! Quasi quasi dopo averlo inzuppato lo sbricolo nel burley blend e ci faccio un bell’halfzware artigianale, altro che nero!!! Speriamo solo che non lo scopra la mulino bianco se no con la legge monti ci aumentano anche i tarallucci!!!!

  • Ciao, Rustik :) Il modo in cui mi hai raccontato il Drum Natural mi ha rassicurata e mi ha fatto venire voglia di provarlo…prima però meglio finire il barattolo di Origenes che ho aperto ieri mattina: non vorrei rischiare di andare in crisi da scelta tabacco :D A proposito di Origenes: quando lo compravo in busta era un sistematico stress pietrina per umidificarlo; col barattolo, nonostante i termosifoni, mi è capitato pochissime volte di doverlo “rianimare” un po’, e per farlo è stata sufficiente una manciata di minuti di barattolo aperto sul davanzale della finestra o fuori dal balcone. La stessa cosa vale per il NAS.
    Venendo al Pueblo: categoricamente escluso per la mattina (nonostante avessi abbondantemente carburato con Origenes e NAS, stamattina ci ho provato e mi ha messo ko gola e polmoni!!!), l’ho trovato per nulla deludente dopo pranzo e già ieri sera alternato al Mac Nero, momenti che dedico all’Organic Blend. Per cui sto pensando se non sia il caso di riservarmi l’Organic Blend per le occasioni speciali e di sostituirlo con il Pueblo per un uso più quotidiano. Calmi tutti che me lo dico da sola: sto bestemmiando e mescolando il sacro al profano ma sono due tabacchi che mi soddisfano in pieno, anche se in modo diverso, nel momento in cui ho voglia di fumare “forte” e gli unici due tra quelli che ho provato che sento dopo aver fumato Mac Nero; uno è una mazzata per la gola, l’altro una mazzata per il portafogli e di questi tempi bisogna tener conto anche di questo, purtroppo. A vantaggio del Pueblo c’è da dire che avverto un retrogusto agrodolce, qualcosa di simile al mosto…Sto solo cercando di convincermi che il Pueblo mi piace o il retrogusto agrodolce è tutto colpa della sfogliatella riccia che ho mangiato prima di fumarlo?!? ;)

    P.S.: se esiste un santo protettore delle cartine…pietà!!! Pietà di me, povera peccatrice che fuma tutto con le Rex Bravo!!! Mea culpa!!! Mea culpa!!! ;)

  • sai qual è un altro tabacco niente male che mantiene appena sullo sfondo quel retrogusto dolciastro di miele d’acacia e di acino d’uva? il manitou gold. Rispetto al pueblo lo preferisco perchè è molto meno irruento. Se poi lo gusti dopo aver preso un bel caffè amaro è la fine del mondo. Non è ideale da associalre a alimenti basici o comunque dolci quale latte, uova, dolci, liquori dolciastri, pasta, pesce… caffè amaro, grappa secca, rum agricolo, pasti a base di carne sono il suo accompagnamento ideale, provare per credere :) mi raccomando il gold e non il pink che invece trovo troppo delicato e secondo me dotato di meno personalità.
    fammi sapere

  • Proverei e ti farei sapere, anzi avrei già provato e fatto sapere, se trovassi un tabacchino in cui entrare, chiedere “Manitou Gold?” e non mi vedessi invece sistematicamente davanti una busta di Manila o di NAS o, nei più forniti, tutte e due le buste insieme :(

  • Paolo

    @Rustik mi hai fatto piegare in due dalle risate con la storia dei biscotti, ho riso per mezzora xD concordo con il Manitou Gold, lascerei perdere anche io il Pink se si sta cercando forza e spessore, perché come dici tu, questa versione è più incosistente rispetto il Gold, anonima e piatta. Purtroppo Rossella, da noi il Manitou è introvabile. Io me lo sono fatto portare da fuori e purtroppo ancora non eri frequentatrice del blog altrimenti te l’avrei fatto provare… Devo riuscire a reperirlo di nuovo ma sará un’impresa. A meno che il nostro caro Rustik non ci manda un bel pacco regalo :D

    @Rossella io fumo tutto con Rex Bravo o Special o Smoking Orange, le tipo B le adopero solo per fare il paragone quando provo dei nuovi tabacchi… Non riesco proprio a farmele piacere le trasparenti, spero di trovare le Swan di cui parlava Rustik, prima o poi…

    Infine io riserverei Mac e Organic a momenti speciali, Pueblo per il pomeriggio e Origines per la mattina, meglio se tagliato con qualcosa per stemperarlo peró… A prima mattina ci vuole qualcosa di soddisfacente ma poco aggressivo. Come la vedi?

  • @ Paolo, la mia giornata tipo prima di provare il Pueblo: partenza con un paio di Origenes, poi NAS con filtri ultra slim; dopo pranzo Organic Blend e poi via libera al NAS con filtri slim; dopo cena Mac Nero e nel resto della serata Organic Blend alternato con molta parsimonia al Nero (per i ben noti problemi di reperibilità), andando a scemare ritornando al NAS (o all’Origenes, a seconda di quello che richiede la gola) come ultima sigaretta prima di andare a letto. Per spezzare con i secchi, Mac Bianco di mattina e Samson Original in qualsiasi momento della giornata.
    Però l’idea di riservare ai momenti speciali l’accoppiata Mac Nero – Organic Blend non è mica male, tanto più che stasera come sigaretta del dopo cena ho provato con il Pueblo e il risultato è stato più che soddisfacente. Domani voglio vedere come va durante la serata alternandolo, con i filtri ultra slim, al NAS con qualche incursione di Samson Original.

    Quanto ai Manitou a questo punto mi sa che organizzeremo un tabacco-party, se riesci a reperire anche quelli!!! :D

    Per concludere, le cartine: Rex Bravo, in alternativa OCB o Smoking Orange…le Special non le sopporto più, mi sanno troppo di colla. Per le tipo B, anche se le uso pochissimo, una piacevole sorpresa sono state le Smoking Brown: non le trovo amare e “nascondono” in qualche modo il tabacco :)

  • Paolo

    Rossella il tuo menù giornaliero è molto intrigante, scrivilo sul forum se vuoi :D secondo me hai scelto dei bei tabacchi e li hai sistemati nelle giuste ore del giorno e della sera ;)

    Ultimamente sto fumando il Pueblo come tabacco da tutto il giorno ma non mi sta convincendo molto nelle ore mattutine, riempie troppo i polmoni e infastidisce leggermente. Se si lascia fuori dal balcone a umidificare un po’ diventa leggermente più leggero e piacevole anche come post-colazione. Le Smoking Brown non le ho mai trovate in versione corta, me le consigli quindi? :D

  • Paolo, appena sciolgo il nodo dei tabacchi dopo pasto e serali metto tutto nel forum :) . Oggi però ho dovuto sospendere ogni prova col Pueblo perchè ho la gola infiammata e oltre Mac Bianco e Origenes non riesco ad andare.
    Riguardo alle Smoking Brown, a Cosenza ho trovato sia le corte che le lunghe al tabacchino che è subito dopo le Casermette. Ripeto che le uso molto poco ma, rispetto alle altre tipo B che ho provato, non mi danno quel gusto amarognolo al tabacco e non mi fanno vedere quello che fumo…oltre al palato, anche l’occhio vuole la sua parte ;)

  • Paolo

    Se per questo devo farti provare quelle davvero “trasparenti” in cellulosa. Hanno un sapore di plastica ma esteticamente è fantastico vedere quello che fumi :D

  • Le ho provate Paolo :) Ed è l’unico caso in cui trovo esteticamente molto piacevole vedere quello che fumo: sembra tabacco che si tiene insieme da solo :) E poi non c’è quella che per me è la sgradevole visione della sigaretta che diventa man mano che fumi sempre più giallastra ( mi dà una sensazione di sporcizia, di sciatteria). Piuttosto che di plastica, però, al mio palato hanno un sapore dolciastro.

  • Paolo

    Esattamente :D quale marca hai provato? Io ho consumato le Ultraeco, pur provandole con diversi tabacchi il risultato era identico: sapore amaro, fumo puzzolente e retrogusto a fine fumata pessimo. Se mi consigli quelle che hai provato tu mi metto subito alla ricerca :D

  • Il mio menù quotidiano dopo aver fatto acquisti in Svizzera è Marlboro red cut durante il giorno e Galouises caporal dopo i pasti, il primo lo fumo con cartine B, le enjoy freedom, il secondo con le ocb orange, devo ammettere che le sensazioni di fumata e retrogusto del trinciato Marlboro non hanno eguali a quanto ho fumato sino ad oggi, tabacco di forza media, con quel gusto dolce accattivante che non stanca mai, il Galouises è più forte del Mac nero in fumata non raccogli particolari sensazioni, se non che hai proprio la sensazione di essere al cospetto di un trinciato che sa di tabacco, senza compromessi, davvero eccellente, mi resta di aprire una busta di Chesterfield original che sono curioso di confrontare con i tabacchi dell stessa marca venduti in Italia, appena lo provo vi faccio sapere.

  • Oggi durante la pausa pranzo ho ritrovato ancora ben conservato in cellofan il Van Nelle vecchia produzione Imperial Tabacco, nero, dal profumo intenso con i valori C. 8mg e N. 0,6mg x filtro 5,2mm come da tempo ormai risaputo non più riportati nel V.N. della P.Morris dal colore più chiaro meno profumato al palato più leggero. Volevo sapere da te Paolo se il tabacco ben conservato ma vecchio può essere ugualmente fumato. Grazie.

  • Dimenticavo, problema da tempo affrontato molte volte in diversi siti del rolling, volevo sapere su anche tu hai un parere diverso tra lavecchia produzione e la odierna della casa produttrice P.M. Grazie.

  • ciao drepanum, se ben conservato credo non ci siano problemi….

  • Paolo

    @Marco sono molto interessato al raffronto del Chesterfield italiano e svizzero. In linea teorica dovrebbero essere gli stessi, ma aspettiamo tue conferme :D peccato per il Marlboro che da noi non si vede nemmeno con il cannochiale :/

    @Drepanum non ho ancora avuto modo di provare il “nuovo” Van Nelle, ma da come è stato descritto sembra abbia subito un bel calo dopo l’acquisizione della Philip Morris. E credo sia un enorme peccato perchè l’Imperial lo faceva davvero bene questo tabacco :/

  • @ Paolo, le cartine trasparenti che ho provato io si chiamano Blza, era l’ultimo pacchetto che aveva il tabaccaio sotto casa e me lo ha regalato. Da allora non le ha più ordinate e non mi pare di averle viste in altri tabacchini.

    @ Rustik, provato il Drum Natural…e già che c’ero ho ridato una possibilità al Drum Original e al White.
    Quanto al Natural, non ti sbagliavi ;) : non ho lasciato a metà la busta, tutt’altro: è entrato a far parte del mio menu quotidiano :) Si fa ben sentire ma non disturba affatto, anzi attrae con quel suo retrogusto di nocciola che dà un fascino diverso all’Origenes o al NAS se li fumo dopo.
    Simile è il discorso per il White, almeno per quanto riguardo il gusto e, per la sua leggerezza, lo trovo eccellente per ripartire dopo il risveglio mattutino.
    Riguardo al Drum Original (e così restiamo anche più o meno nel discorso Van Nelle) la mia precedente esperienza era stata falsata dall’aver provato una busta col tabacco così duro che quando ne prendevo la quantità per una sigaretta, pareva di tagliare con le mani un dado da brodo!!! Ovviamente, quello che fumavo era una mazzata micidiale per la gola!!! Stavolta invece il tabacco era in ottime condizioni e, a mio avviso, è un’alternativa al Van Nelle forse migliore del Samson. Non so: sarà che mi piace molto la liquirizia, ma il Samson lo vedo come un tabacco “sfizioso”…Niente male per l’estate, anche se ci sarà da risolvere il problema della tendenza del Samson a seccarsi troppo. E niente male il Drum Original come alternativa quotidiana al Mac Nero…ma solo per l’abissale differenza in termini di reperibilità del primo rispetto al secondo!!! :)

  • Paolo

    Partendo dal presupposto che amo i Drum, in particolare il Natural, lo fumerei molto più spesso se trovassi confezioni fresche e decenti, però non lo sostituirei al Samson Original. Al Van Nelle probabilmente si, ma a una busta di Samson fresco fresco non ci riuscirei proprio :D sono due trinciati troppo distanti tra di loro, entrambi meritevoli ma preferisco leggermente di più gli umidi o i semi-umidi. Discorso cambia per l’estate, dove apprezzo più i secchi (questa estate Drum Natural e NAS Organic erano all’ordine del giorno) :D

    Per il White non posso che darti ragione, anche secondo me è fantastico per il risveglio mattutino, anzi dopo il caffè è qualcosa di divino :D

  • @ Paolo, mi sa che ci stiamo incartando con i Drum!!! Ahahahah :D Io mi riferivo al Drum Original come alternativa al Van Nelle e al Samson Original come alternativa estiva al Drum Original…
    E così andò a finire che entrarono in un tabacchino e dissero: “Scusi: ha per caso il Van Drumson Natural?” Ahahahahah!!! :D

  • giuseppe

    qui si discute poco,di qualita’,ma nn fa per me’…

  • Jack

    Salve a tutti, a mio avviso il Van Nelle e il Mac Baren nero sono attualmente i migliori. Il Mac ha sicuramente più carattere di tutti.Quelli “natural” è vero ke sono tutti buoni( Nas, Origenes, Pueblo ecc.,ma a lungo andare stufano..).Negli anni 90 il drum blu ,il samson e il golden virginia erano veramente buoni (soprattutto il golden era davvero buonissimo..), ma attualmente non sono un granchè!Si, sono cambiati, ovviamente in peggio!Hanno fatto la stessa fine delle chesterfield e delle camel, ke 20 anni fa erano una buona alternativa alle marlboro red (e avevano lo stesso prezzo delle reds!) e adesso costano di meno ma fanno quasi pietà!!!
    In definitiva consiglio i “natural” e il Marlboro da tutti i giorni e il Mac Baren nero e il Van Nelle dopo un bel pranzo o una bella cena..insomma a stomaco pieno gli halfzware sono imbattibili!!:-)PS: aggiungerei anke l’Old Holborn blu ke, anke se non è come una volta, il suo gusto “english” molto particolare una tantum può anke andare :-)

  • giuseppe

    che dire dunque di sto tabacco,mi è appena arrivato da amsterdam,sicuramente di altissima qualita’un po’fortino ma fumarlo sempre che noia….

  • Paolo

    Mettilo tra i tuoi tabacchi da “momenti rari” :D io faccio così per i tabacchi di questo tipo, in questo modo non mi stancano mai e li posso gustare appieno :D

  • ma una domanda… sento che nominate spesso il nas ma comè?che gusto ha?si trova ancora?perche non l ho mai visto nelle tabaccherie

  • Rossella

    @Ringo, altroché se si trova!!! E’ uno dei più reperibili, sia in busta che in barattolo. E’ uno dei miei tabacchi fissi, ma solo quello in barattolo. Forse ti ha confuso il fatto che lo chiamiamo NAS, per abbreviare il suo nome che è Natural American Spirit, per questo dici di non averlo mai visto nelle tabaccherie :) Visto che si tratta di uno dei miei tabacchi preferiti, non potrei che parlartene bene, quindi per essere imparziale ti posto il link della recensione di Paolo :) :
    http://www.smokestyle.org/recensioni/natural-american-spirit/

  • OK,HO CAPITO QUALè,ORA MAGARI DICO UNA CAZZATA E SO CHE NON è PARAGONABILE,MA HO PROVATO LE SIGARETTE NORMALI DI QUESTA MARCA E DEVO DIRE CHE NON MI SONO PIACITE AFFATTO,TROPPO FORTI DAL SAPORE UN Pò STRANO DICI CHE IL TABACCO SCIOLTO CAMBIA ò è FAX SIMILE?

  • Paolo

    eheh Rossella la mia recensione cercava di essere imparziale ma non credo di esserci riuscito :D Anche io adoro l’American Spirit, è stato uno dei miei primi tabacchi e ogni volta che lo fumo mi riporta alla mente quel caldissimo pomeriggio d’estate che lo provai per la prima volta…però devo dire che da quando è uscita la versione Organic mi sono preso una mezza infatuazione per quest’ultimo… mi piace di più dell’originale in quanto a sapore…ma sono entrambi due tabacchi che avranno sempre un posticino nel mio cuore ;)

  • Rossella

    @ Ringo, io le preconfezionate non le ho mai provate ma da quanto so è l’unica marca in commercio che utilizza lo stesso, identico tabacco sia per le sigarette che per il trinciato….per il momento, perchè pare che la Lucky Strike seguirà questa stessa politica commerciale per le nuove sigarette naturali e per il trinciato che dovrebbe essere reperibile tra pochissimi giorni.
    Posso chiederti che sigarette fumavi prima di passare al trinciato, Ringo? Magari posso esserti d’aiuto :)
    @Paolo…la tua recensione sul NAS…praticamente perfetta…ma ho il vaghissimo sospetto di essere un giudice molto poco imparziale!!! ;) Quanto alla versione Organic…la fumo col contagocce, ma solo perchè altrimenti il portafoglio si incavola di brutto!!!! :D

  • Simone

    Ragazzi non so cosa sia successo a voi, ma io continuo a comprare assieme ai miei amici il Van Nelle dal tabacchino di fiducia e non ho riscontrato simili problemi.

  • perdonami la risposta in ritardo ma non ho avuto tempo di guardare i post comunque fumavo le marlboro,ma sai che da quando fumo il trinciato mi piace di più,e pensare di tornare alle normali mi viene il disgusto,ma d’avvero nè,,e in più non ti lasciano addosso quella puzza di tabacco

  • Paolo

    Per la puzza ho qualche dubbio :D forse è minore rispetto le sigarette, ma è tutto molto relativo…per il gusto non posso che darti ragione :)

  • si va bè non è che è inodore ma è meno

  • Roby

    trovato tabaccaio che tiene trinciato in vetrinetta chiusa, con umidità controllata tra il 60 e il 89%, preso van nelle freschissimo,
    che dire…..addomesticata la eccessiva forza dall’umidità, risalta un gusto di torba e affumicato, pieno e saziante.in effetti in condizioni ottimali solo il Baren nero è paragonabile,
    ovviamente de gustibus non disputandum est…….

  • Axel

    Ciao a tutti, sono Axel oggi ho iniziato a fumare Van Nelle,che dire ottimo tabacco gustoso è molto saporito, rispetto al Mc Baren nero é più docile meno aggressivo,il McB é una mazzata sui polmoni.

  • Paolo

    Oggettivamente d’accordo con entrambi Roby e Axel, però da fumatore abituale di Mac Nero non riesco più a fare un paragone. E’ proprio quella forza intensa che manca al Van Nelle che mi attira tanto. Ormai sono un drogato di Nero, tanto che riesco a fumarne 20 sigarette in un giorno senza sentire eccessivamente la pesantezza nei polmoni, cosa che con altri tabacchi mi capita già dopo 5 sigarette

  • Axel

    Ciao Paolo, sono ritornato sui miei passi fumando GV verde un tabacco che adoro è mi soddisfa,il Van Nelle troppo forte non riesco a fumarlo, massimo una due dopo cena.
    Cmq sono tentato con questo Original Tradition Gold, lo vorrei provare,ma delle mie parti è irreperibile.

  • Rossella

    @Axel, non ho mai fumato il GV verde, quindi non posso esprimermi su qualcosa che non conosco, ma ho fumato per un certo periodo il Van Nelle e ho avuto la possibilità di provare l’Original Tradition Gold, Tieni presente che non sono tipo da tabacchi leggeri, e infatti il Van Nelle lo fumavo con tutta tranquillità nell’arco della giornata, escluso solo le prime sigarette della mattina, che in quel caso proprio non lo reggevo, Per me l’Original Tradition Gold è un ottimo tabacco, leggero ma “strano”, nel senso che mi ha dato soddisfazione in ogni momento del giorno in cui l’ho fumato…come ho commentato sotto il post che riguarda questo tabacco l’unica pecca è che purtroppo dalle mie parti è introvabile!!!

  • Axel

    Ciao Rossella, il GV verde è il mio tabacco quoditiano e lo fumo volentieri diciamo un 12-15 massimo sigarette al dì.
    Volevo ripiegare sul Van Nelle per fumare di meno ma non ce la faccio troppo forte.
    Come ho detto voglio provare l’Original Tradition Gold, ma dalle mie parti è irreperibile,secondo me ci devo rinunciare.
    Se riesci a sapere dove lo posso trovare a Caserta e dintorni mi fai un gran favore.

  • thegypsy27

    Il tabacco di una vita!
    E’ stata la prima cosa a base di nicotina che abbia comprato ed è stato amore al primo tiro…sono 13 anni che la Van Nelle può considerarmi uno dei clienti più affezionati.
    Fumato anche a Amsterdam (ebbene sì…c’è chi va ad Amsterdam a fumare il VanNelle) in versione Export…pacchetto più scuro, tabacco quasi nero…fortissimo…buonissimo…

  • Marcantonio Saldutti

    Lo comprai una volta in vacanza…fu amore a prima vista <3 non lo trovo da tempo questo fior di tabacco

  • Già :D a breve proverò la versione rossa (venduta all’estero) e non ti nascondo che non vedo l’ora!!! ;D

  • Carlo

    l’ho trovato alla tabaccheria in Piazza Udine a Milano!
    Buonissimo!

  • Sto provando proprio in questi giorni la versione Zware…ti lascio immaginare :D

  • fabio…

    perchè VAN NELLE non si trova più a lanciano (ch) e d’intorni??? non si fa più?

  • Già, purtroppo pare che sia così…

  • Matteo

    Pare non sia più importato in Italia…se avete voci differenti fate sapere

  • Matteo

    Dopo 5 anni di RYO, dico che è la miglior sigaretta che si possa fumare, a prescindere dalla cartina è BUONISSIMO, sapete se in svizzera lo si trova?

  • Si dovresti riuscire a trovarlo…io l’ho trovato in germania quindi presumo di si :D

  • Mario

    Salve, ho appena acquistato questo tabacco e seguendo i consigli di Paolo me lo sono riservato per il dopo lauto pranzo. L’odore del tabacco lo si avverte subito ancor prima di aprirlo ed è avvolgente e pieno. Il tabacco si è presentato si umido ma non di più del Mac Baren, poco curato: ci si trovano foglioline, pezzettini di legno. La fumata è molto appagante, per me non adatto a tutto il giorno ma solo in momenti di relax. Sicuramente cercherò di averlo sempre con me. Unica pecca è la confezione da 40 gr., se ce ne fossero di più piccole sarebbe meglio per garantirsi un tabacco sempre fresco. Da uno a dieci per me è un nove pieno.

  • paolo

    vivo in provincia di asti sono 20 anni che fumo van nelle ,ma sono un paio di mesi che non riesco a trovarlo,mi hanno detto che non viene più importato,ne sapete qualche cosa? grazie

  • Purtroppo è così…bisogna ripiegare su un altro tabacco

  • Fulvio

    VENDO PER POCHI EURO VAN NELLE ZWARE SHAG da 50g

    ragazzi mi hanno appena regalato una scatola con 5 pacchetti di VAN NELLE ZWARE SHAG da 50g,io non fumo e mi spiace buttarlo,ho provato a chiedere in tabaccheria il prezzo ma mi hanno detto che da un po’ di mesi non arriva piu’ e che lo zware shage non e’ mai arrivato in italia,se siete interessati lo vendo per pochi euro;lascio la mia mail pannoss.studiozetainserat@hotmail.it

    ve lo spedisco senza problemi,io sono di milano

  • Alex.

    Nessuno sa dove reperirlo a Roma.
    E’ diventato introvabile.

  • Riccardo Catellani

    Come posso contattarti?

Sponsor

  • banner-clipper.jpg

I più votati

    Offerte

    • banner-thorinder.jpg
    • banner-ocb.jpg
    • banner-tune.jpg
    • banner-bong.jpg