Home » Notizie » Cannabis USA: Criteri Qualitativi dei Test di Laboratorio

Cannabis USA: Criteri Qualitativi dei Test di Laboratorio

cannabis usa

Cannabis negli USA: il sistema legale e il controllo qualitativo

La legalizzazione della cannabis negli Stati Uniti ha prodotto un’esplosione economica inimmaginabile, non soltanto in termini di vendite ma soprattutto a livello occupazionale, generando una serie di nuove professioni sempre più tecniche e specializzate. Una vendita legale e regolamentata prevede necessariamente un sistema di controllo qualitativo e le prove di laboratorio sono il primo gradino di certificazione negli USA per qualsiasi prodotto di cannabis venduto presso una struttura autorizzata. Questi test aiutano a garantire che i prodotti siano sicuri da consumare e facili da dosare.

I test dei laboratori accreditati dallo Stato effettuano principalmente la misurazione della potenza e dei livelli di THC e CBD e sono atti inoltre a rilevare pesticidi residui, contaminanti indesiderati e la presenza di muffe e funghi. Ulteriori test possono essere eseguiti anche per misurare il contenuto di terpeni ma non sono obbligatori. Ogni test richiede attrezzature e procedure speciali e deve essere eseguito da tecnici altamente qualificati.

Ecco alcune delle tecnologie e dei processi utilizzati nei test di laboratorio americani e la scienza che sta dietro le varie procedure per analizzare la cannabis e determinare standard qualitativi. Da qui è facile desumere i passi in avanti degli americani rispetto gli europei, che hanno ancora una cultura più tradizionale e meno tecnologica e all’avanguardia.

Standard qualitativi: i dati di conformità della Cannabis negli USA

L’industria dei test di laboratorio sulla cannabis si occupa principalmente dei dati di conformità, cioè di tutti i protocolli che i test richiesti dall’ente normativo devono soddisfare su un singolo prodotto di cannabis affinché possa essere approvato per la distribuzione e la vendita.

I laboratori accreditati devono utilizzare metodi analitici adeguati a produrre i dati richiesti dal proprio ente normativo. La maggior parte dei laboratori aderisce a un nucleo di test, ma non esiste uno standard universale, ogni stato ha i propri protocolli.

I laboratori di solito sono aziende di terze parti che devono sottoporsi a un programma di accreditamento e forniscono dati di conformità all’ente normativo del loro stato. I produttori di cannabis hanno bisogno di questi dati di conformità in modo che i loro prodotti possano essere legalmente approvati per la vendita e la distribuzione.

Per cosa viene testata la Cannabis negli USA

Potenza

Un’etichettatura accurata della potenza sui prodotti a base di cannabis è fondamentale, soprattutto quando si tratta di dosaggio. I test di potenza indicano quanto THC e CBD sono presenti in un dato prodotto e queste metriche possono essere fornite in diversi modi:

Cannabinoidi per pesoad es. 20% THC
Totale di cannabinoidi presentiad es. 150 mg di THC
Un rapporto di THC: CBDes. 2: 1 CBD: THC

Contaminazione

I prodotti a base di cannabis passano attraverso molte mani durante la coltivazione e la lavorazione prima che raggiungano lo scaffale di vendita al dettaglio e i contaminanti possono essere introdotti da una varietà di fonti.

Lo screening per la contaminazione  della Cannabis è atto a individuare:

Contaminanti chimici

Durante la coltivazione, le piante possono essere esposte a una serie di pesticidi e altre sostanze chimiche, come gli ormoni della crescita artificiale che possono essere pericolosi per la salute del consumatore. Gli organismi regolatori statali hanno elenchi di pesticidi vietati e i prodotti devono essere privi di questi al fine di soddisfare la conformità per farli arrivare al dispensario.

Contaminanti microbici

Acqua e contaminanti microbici vanno di pari passo. La presenza di micro-tossine come funghi e muffe nella cannabis può essere pericolosa se ingerita, soprattutto per le persone che soffrono di condizioni mediche esistenti o che hanno un sistema immunitario compromesso. La contaminazione microbica è principalmente un rischio durante la coltivazione, ma può anche verificarsi durante la manipolazione e il confezionamento, per questo i dispensari americani sembrano più delle cliniche piuttosto che negozi veri e propri.

Contaminanti fisici e metalli pesanti

Anche metalli pesanti come piombo, mercurio e persino cadmio possono penetrare nei prodotti di cannabis. Queste sostanze possono essere presenti nel terreno e possono essere assorbite dalle radici delle piante.

Profilo completo di cannabinoidi e terpeni

Tutti i prodotti di cannabis possono ottenere ulteriori test per mappare i loro profili di cannabinoidi e terpeni. Questi test non sono necessari per la conformità, ma i produttori possono farli capire meglio le varietà che stanno coltivando.

A seconda della struttura, queste proiezioni possono verificare la presenza di terpeni e cannabinoidi importanti come THC, THCA, THCV, CBD, CBDA, CBG, CBC e altri.

Tipi di test per la cannabis

La marijuana può contenere una varietà di composti come cannabinoidi, terpeni e flavonoidi , oltre a contaminanti indesiderati come pesticidi residui, metalli pesanti e micotossine. Per questo i test sulla cannabis negli USA sono atti a individuare tutti questi agenti.

Ecco i principali test utilizzati per testare campioni di prodotti contaminati nell’industria della cannabis e come funzionano.

Cromatografia analitica (GC, HPLC)

La cromatografia analitica è una procedura utilizzata per determinare la presenza e la concentrazione dei vari composti in un campione di cannabis. Questa procedura dissolve un campione in un fluido e si riversa attraverso un assorbente. Diversi composti si muovono attraverso l’assorbente a velocità diverse, lasciando i colori sull’assorbente. Questa separazione colorata aiuta a determinare la presenza e la concentrazione dei diversi composti.

Esistono molti metodi diversi di cromatografia, ma nell’industria della cannabis, i due metodi più diffusi sono la gascromatografia (GC) e la cromatografia liquida (LC) e, più in particolare, la cromatografia liquida ad alte prestazioni (HPLC).

I metodi di cromatografia non a gas come l’HPLC sono generalmente preferiti poiché il GC aggiunge elevate quantità di calore ai campioni, decarbossilando i cannabinoidi durante il processo.

Spettrometria di massa (MS)

La spettrometria di massa è completamente diversa da GC e HPLC. Essenzialmente, misura le masse di molecole e composti chimici all’interno di un campione tramite composti ionizzanti sottoposti a un campo elettrico o magnetico di cui può essere analizzata la velocità di deflessione sullo spettro. Sono ordinati per il loro rapporto massa-carica.

Spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (NMR)

I test GC e HPLC richiedono grandi quantità di solventi e possono richiedere molto tempo, quindi questi metodi aumentano il prezzo dei test. Ma più laboratori stanno esaminando la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (NMR), che non distrugge campioni né usa solventi e ha tempi di risposta molto più brevi.

L’NMR misura i campi magnetici attorno ai nuclei atomici. Un campione viene posto in un campo magnetico e bombardato da onde radio, eccitando i nuclei che possono essere rilevati da ricevitori radio. Questo processo misura i cambiamenti di frequenza dei campi magnetici, descrivendo in dettaglio la struttura di molecole e composti chimici.

Più Venduto # 1
Maalingan 1000mg (10%) Full Spectrum Premium CBD Oil, ottimo per dormire e rilassarsi.
6 Recensioni
Maalingan 1000mg (10%) Full Spectrum Premium CBD Oil, ottimo per dormire e rilassarsi.
  • MAALINGAN CBD DROPS è un prodotto naturale al 100%, dalle proprietà rilassanti e...
  • ESTRATTO DI CANAPA A PIENO SPETTRO: prodotto con processi di estrazione con CO2...
  • ESTRATTO DI CANAPA ATTIVO: fatto con fiori di canapa per ottenere tutti potenti i...

Prezzo aggiornato il: 19/07/2019 - 00:24