Home » Notizie » Marijuana, diabete e obesità

Marijuana, diabete e obesità

Marijuana, diabete e obesità

Recenti studi medici affermano che la marijuana sarebbe in grado eliminare quei fastidiosi chiletti di troppo in agguato alle porte dell’estate ed addirittura di prevenire il diabete, insidia che non bada all’età.

I risultati sono stati riportati sulla rivista scientifica The American Journal of Medicine, attestando che in fin dei conti non bisogna etichettare quest’erba come “abominio“, in quanto il suo impiego parsimonioso, sarebbe alquanto benefico, anziché dannoso come sostengono le campagne proibizioniste e il pensiero collettivo. Infatti i consumatori abituali di marijuana avrebbero un livello di insulinemia più basso rispetto a chi non ne hai mai fatto uso e ciò agisce sui processi metabolici periferici conferendo una vita snella ai suoi appassionati consumatori. Questo è quanto affermano i ricercatori di alcune università americane.

Su un campione di 4600 persone sane, di cui il 12% fumatori abituali di marijuana, e un 42% di persone che in passato ne avrebbero fatto uso, gli studiosi hanno riscontrato che i fumatori di marijuana, nonostante assumano più calorie giornaliere per la cosiddetta “fame chimica” siano in genere più magri di chi, a parità di età e condizione fisica non ne fa uso. Da non sottovalutare anche la maggiore presenza del colesterolo buono nel sangue e un miglior controllo glicemico. Insomma, pare che giorno dopo giorno vengano alla luce nuovi impieghi benefici per la marijuana, screditando lentamente le teorie secondo il quale il suo consumo nuoce gravemente alla salute.

Il Miglior Atomizzatore Senza Perdite

Offerte

I più votati

Sponsor