Home » Notizie » Quanti tipi di Marijuana esistono?

Quanti tipi di Marijuana esistono?

tipi di marijuana

Sulla Purple Haze, la Nebbia Viola, Jimi Hendrix ci scrisse una canzone. Era l’epoca dei Figli dei fiori e la Marijuana, ufficialmente proibita, aveva nomi esotici ed evocava viaggi straordinari. Molto ricercate erano anche l’Erba olandese e la Luce del Nord (Northern Light), che accendevano l’immaginazione e movimenti come quello della Beat Generation. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti: due stati americani, il Colorado e Washington, hanno reso il consumo di cannabis legale nel 2014, con stime per gli introiti fiscali che superano gli 800 milioni di dollari in 5 anni, e a Vicenza ha aperto la prima farmacia che venderà marijuana di Stato per uso terapeutico. Singolare parabola per una sostanza che si ricava da una pianta, la canapa, a lungo preziosa per diversi popoli e civiltà (sia per uso terapeutico che per i tessuti particolarmente resistenti che se ne ricavavano, come i jeans), ma che nel corso degli ultimi 70 anni è stata bandita in quasi tutti i paesi del mondo.

Erba, Maria, Cannabis, Marijuana, Canapa indiana. Tanti nomi per una sola sostanza. Per orientarsi però è bene tener presente alcuni concetti fondamentali. La distinzione tra canapa e canapa indiana è dal punto di vista botanico inconsistente, appartenendo i due tipi di pianta alla stessa famiglia. Ciò che cambia è la quantità di THC (tetraidrocannabinolo), il principio attivo psicotropo, che è presente in quantità assolutamente trascurabili nella canapa comune. A essere vietata per gli effetti derivanti dal suo consumo è la canapa indiana, ricca di THC, che cresce essenzialmente in 3 varietà, se si escludono gli ibridi creati per scopi commerciali: la Sativa, l’Indica e la Ruderalis.

La cannabis Sativa, l’erba antidepressiva

La Stiva non di rado sfiora i due metri altezza, ma cresce molto anche ìn larghezza. Ha foglie lunghe e delicate, i semi sono soffici al tatto, senza macchie e striature. Lunghi anche i tempi per la fioritura, in media una volta all’anno: ama il sole e i cicli naturali, caratteristiche che la rendono poco adatta a coltivazioni intensive e indoor, con alterazioni del ciclo della luce dovute a lampade artificiali. E’ diffusa per lo più in territori al di sotto del 30° di latitudine Nord: in paesi come India, Thailandia, Nigeria, Messico e Colombia. E’ un’erba ottima per essere fumata, ma non sono pochi quelli che la seccano e la usano in cucina. Il suo consumo produce una carica di energia (ha infatti un alto tasso di THC rispetto al Cannabinolo, una sostanza che favorisce il sonno), porta buonumore e in alcuni casi favorisce la creatività e la produzione di nuove idee. I consumatori abituali di Sativa sostengono che aumenti di molto la capacità di concentrazione e aiuti a combattere la depressione. Per queste ragioni è preferibile consumarla di giorno.

La cannabis Indica, buona per fabbricare hashish

L‘Indica è più robusta se paragonata alla Sativa, ma non ne raggiunge la stessa altezza, oscillando tra i 50cm e il metro e mezzo. Le foglie sono rotonde, i semi soffici. Data l’altezza, è ottima per la coltivazione indoor, al contrario della Sativa e, sempre a differenza di quest’ultima, fiorisce molto più rapidamente e può essere stimolata con un ciclo di illuminazione artificiale intenso. E’ più comune trovarla in paesi al di sopra dei 30° di latitudine Nord, come Nepal, Libano, Marocco e Afghanistan. I boccioli e i fiori della cannabis Indica di solito crescono molto vicini l’uno all’altro e sono appiccicosi al tatto. Per il suo alto contenuto di resina è molto indicata per produrre hashish. Il consumo di Indica ha un forte effetto sedativo e induce un profondo stato di rilassamento nel corpo. Ha un alto contenuto di Cannabinolo e il suo consumo è maggiormente legato a un uso terapeutico: cura infatti l’insonnia, allevia i dolori, previene gli spasmi muscolari, cura il mal di testa e l’emicrania ed è ottima per l’ansia. Per questi motivi è preferibile evitarne il consumo diurno in assenza di particolari ragioni.

Cannabis Ruderalis, ovvero materiale genetico per l’ibridazione

Pur essendo una specie autoctona, della cannabis Ruderalis si sente parlare molto poco. E piuttosto bassa di statura, arriva al massimo a una settantina di centimetri e come la cannabis Indica ha foglie piuttosto spesse. La si trova soprattutto nelle regioni del Nord.
La sua caratteristica principale è una fioritura rapida e precoce, probabilmente dovuta alla sua capacità di crescere a latitudini molto elevate. Un vantaggio non da poco se si considera il tempo, meteorologico e cronologico, come variabile fondamentale: riesce infatti a maturare prima che arrivi l’inverno freddo. La Ruderalis è anche usata per l’autofioritura dei semi. Una delle ragioni per cui se ne parla poco è dovuta al fatto che contiene un tasso di principi attivi limitato. Per questo, la sua coltivazione non esce dal giro dei cultori appassionati e dei coltivatori, che spesso hanno l’obiettivo di dotarsi di una risorsa da cui attingere materiale genetico per l’ibridazione. In questo modo si possono ottenere piante con fioritura più rapida o in grado di crescere in climi freddi come quelli delle regioni del Nord.

Tutte le piante di canapa peraltro possono essere classificate come piante maschio e piante femmina. In alcuni casi si assiste anche a piante ermafrodite.

Bong Black Leaf con valigetta

Sponsor

I più votati

Offerte