Home » Notizie » Quanto Tempo i Cannabinoidi Rimangono nel Nostro Corpo?

Quanto Tempo i Cannabinoidi Rimangono nel Nostro Corpo?

Quanto Tempo i Cannabinoidi Rimangono

Per quanto tempo i cannabinoidi rimangono nell’organismo dopo l’assunzione?

Circa 40-50 milioni di test antidroga vengono condotti ogni anno dai datori di lavoro di tutto il mondo al fine di analizzare il materiale biologico tra cui urina, capelli, sangue, saliva, respiro, sudore e persino le unghie dei dipendenti. Quando la cannabis viene consumata, i livelli di THC aumentano temporaneamente nel corpo e sono rilevabili tramite esami da diverse ore fino a un giorno dopo un singolo consumo. Sebbene questi livelli scendano in modo significativo dopo pochi giorni, esistono altri mezzi per determinare l’utilizzo recente di cannabis ma calcolare quanto tempo i cannabinoidi rimangono nell’organismo di ciascun individuo è più complicato.

THC-COOH il metabolita del THC

THC, CBD e i loro sottoprodotti metabolici, chiamati metaboliti, sono liposolubili, non idrosolubili, per cui si accumulano nelle riserve di grasso in tutto il corpo e vengono rilasciati lentamente nel tempo. Per questo motivo serve un periodo considerevolmente più lungo affinché il corpo si liberi di tutte le tracce di marijuana, specialmente nei consumatori abitudinari. Le analisi sono atte a individuare infatti i livelli di un metabolita del THC non intossicante chiamato THC-COOH, che può permanere nell’organismo fino a 90 giorni. Le analisi dei capelli sono quelle che forniscono una finestra temporale di rilevamento più ampia.

A parità di sesso, età, etnia è difficile individuare esattamente per quanto tempo i cannabinoidi rimangono nell’organismo di ciascun individuo

Ognuno di noi ha un metabolismo unico che elabora la cannabis in modo e a velocità diverse, complicando ulteriormente il quadro di rilevamento, di conseguenza varia quanto tempo i cannabinoidi rimangono nell’organismo di ciascun individuo. Anche tra persone dello stesso sesso ed età, le scelte individuali di stile di vita come i livelli di esercizio e le abitudini alimentari possono anche influenzare la quantità di tempo necessaria per smaltire le tracce di cannabis dall’organismo (gli individui con più alto contenuto di grassi immagazzinano i cannabinoidi più facilmente dei soggetti più magri).

Dati questi presupposti, ci sono diversi studi che hanno cercato di rispondere in modo sempre più accurato a questa domanda nel corso degli anni, ed offrono alcune indicazioni generali più o meno concordanti tra di loro.

Non esiste un modo di prevedere o sapere per quanto tempo le tracce di cannabis rimarranno in circolo nel singolo individuo alla luce dei fattori di cui sopra, ma in linea di massima i seguenti studi esprimono dei riferimenti.

Secondo uno studio del 2005 di Paul Cary, direttore del Laboratorio di Toxicology and Drug Monitoring presso l’Università del Missouri, per alcuni individui possono esserci tempi di rilevamento superiori a 30 giorni, ma si tratta di una casistica più rara.

Ad esempio, uno studio del 1989 su consumatori abitudinari ha mostrato una finestra di rivelamento massima di 25 giorni. Tuttavia, sottolinea che solo un soggetto è risultato positivo dopo 14 giorni e ci sono voluti in media solo 9,8 giorni prima che i livelli di cannabinoidi non fossero più rilevabili. Mentre uno studio del 1984 ha registrato un massimo di 40 giorni, ma 8 dei 10 soggetti avevano bisogno solo di 13 giorni per mostrare il loro primo negativo.

Di conseguenza, Cary offre alcune stime più brevi delle finestre di rilevamento che a suo avviso sarebbe ragionevoli aspettarsi su un consumo abitudinario e tramite la sensibilità del test delle urine in particolare.

Secondo Cary sarebbe improbabile per un consumatore quotidiano produrre un risultato positivo del test delle urine per più di 10 giorni dopo l’ultimo consumo.

Per coloro che fumano di tanto in tanto o per la prima volta, sarebbe insolito la rilevazione dei cannabinoidi nelle urine per oltre i 3-4 giorni successivi al consumo, sempre secondo lo studio di Cary.

È anche importante ricordare che “occasionali” e “abitudinari” rappresentano i lati opposti dello spettro di utilizzo e che la maggior parte degli consumatori potrebbe cadere da qualche parte nel mezzo.

“Penso che questi tempi di rilevamento siano ragionevoli”, afferma Ron Flegel, direttore della divisione dei programmi di lavoro presso SAMHSA. “Se si tratta di un uso raro o di un singolo uso, in genere occorrono circa 72 ore” mentre “i consumatori quotidiani dai sette ai dieci giorni ”.

Per quanto tempo i cannabinoidi rimangono in circolo: vale anche per il CBD?

E che dire di chi consuma altri cannabinoidi non intossicanti come il CBD (cannabidiolo)? Quanto a lungo rimane nel tuo sistema?

Poiché il test delle urine standard analizza solo i metaboliti del THC, coloro che consumano olio di CBD / canapa o altri prodotti simili a base di CBD hanno un rischio molto scarso di produrre esito positivo. Ma poiché questi prodotti contengono comunque piccolissime percentuali di THC le analisi potrebbero portare a un positivo. Tuttavia, questo “falso positivo” iniziale non reggerebbe al secondo round più rigoroso di test di conferma, che specificamente misura il THC-COOH di cui sopra.

Il fumo passivo può incidire su quanto tempo i cannabinoidi rimangono nel sistema?

In uno studio del 2015 , Vandrey ha esposto un piccolo gruppo di partecipanti al fumo passivo in stanze sia ventilate che non ventilate. Ha mostrato che alcuni partecipanti seduti nella stanza non ventilata risultavano positivi al THC-COOH.

Soprattutto negli USA, molti individui che devono affrontare test atti a rilevare l’uso di cannabis ma non vogliono rinunciare completamente alla cannabis, si rivolgono ai cannabinoidi sintetici nella speranza di imbrogliare i test tradizionali. Tuttavia, queste alternative, comunemente denominate “K2” o “spezie“, sono imprevedibili e possono indurre effetti collaterali ma considerata “la moda” sempre più datori di lavoro includono test per i cannabinoidi sintetici nel loro repertorio, rendendo questo approccio sia pericoloso che futile.

Più Venduto # 1
Olio di canapa gocce 5% - 500mg hemp oil drops, 10 ml gocce di canapa Full Spectrum - Estrazione di...
14 Recensioni
Olio di canapa gocce 5% - 500mg hemp oil drops, 10 ml gocce di canapa Full Spectrum - Estrazione di...
  • 500 mg di olio di canapa pressato a freddo, gamma completa di composti sinergici della...
  • Estratto di componenti salutaricon un elevato contenuto di terpenoidie flavonoidi.
  • I composti fitochimici naturali presenti nell'olio di canapaagiscono in sinergia, fornendo...
Più Venduto # 2
Estratto biologico di canapa per sollievo da dolore e stress (600MG), Aroma Cinnamint, unito a olio...
6 Recensioni
Estratto biologico di canapa per sollievo da dolore e stress (600MG), Aroma Cinnamint, unito a olio...
  • AROMA CINNAMINT: composto da una fantastica unione tra cannella biologica ed estratti di...
  • Estratto di canapa COMPLETO: Estratto di canapa 600mg (20mg per porzione) | Questo...
  • STANDARD: Certificato GMP / Biologico / Senza glutine / Kosher / Senza OGM / Grezzo /...

Prezzo aggiornato il: 19/02/2019 - 15:46


I Migliori Prodotti a base di CBD

Aggiungi un Commento

Clicca qui per commentare

Cosa Puoi Riscattare

Top Grinder Amazon

Prezzo aggiornato il: 19/02/2019 - 16:36

Top Player

  1. 1 Paolo Paolo con 2,152 Buds
  2. 2 Velociraptor Velociraptor con 884 Buds
  3. 3 Abyss87 Abyss87 con 357 Buds
  4. 4 Ninja Ninja con 290 Buds
  5. 5 Daniele Daniele con 161 Buds
  6. 6 Quincypaupt Quincypaupt con 150 Buds
  7. 7 KeithKix KeithKix con 140 Buds

Top CBD Amazon

Risparmi 20,00 EURPiù Venduto # 3 Rocvape Encore Vape Pen Per CBD Oil & E Liquido... 29,99 EUR
Più Venduto # 4 cbd cristallo 19,90 EUR

Prezzo aggiornato il: 20/02/2019 - 00:56